Regina José Galindo

  • Edited by prometeogallery di Ida Pisani
  • Format 17 x 24 cm, brossura con alette
  • Pages 398
  • Illustrations 222 a colori
  • Year 2011
  • ISBN 9788836619924
  • Price € 30,00
Add to cart Add to cart Add to cart
Abstract

Questa monografia è dedicata all’artista guatemaltecha Regina Josè Galindo (1974).

Il volume, in edizione trilingue, presenta ai lettori la produzione dell’artista – da sempre rivolta alla performance che ha, come soggetto, il proprio corpo – a partire dai primi lavori della fine degli anni novanta fino ai più recenti, del 2010.

Immigrazione, volontà, nudità, empatia, biologia, potere, rabbia, sadismo, disperazione, costrizione e libertà sono le parole attorno alle quali si articola la riflessione di Regina José Galindo che, nelle performance qui presentate – spesso irriverenti e di forte impatto emotivo – presta il suo corpo a questi concetti, usandolo come se non le appartenesse.

Il catalogo, suddiviso per anni, è preceduto da una serie di contributi critici, volti ad analizzare e ripercorrere la carriera dell’artista, ed è completato da apparati biografici.testi di: Ruxandra Balaci, Clare Carolin, Fernando Casto Flórez, Rosina Cazali, Gontzal Díez, Carlos Jiménez, Leonel Juracán, Eugenio Viola.

Regina José Galindo: (Guatemala, 1974) L’artista fa la sua prima apparizione internazionale nel 2001 alla Biennale di Venezia curata da Harald Szeemann, e vince il Leone d’oro come giovane artista alla 51 edizione, nel 2005. Sue opere sono presenti in collezioni museali internazionali (Museo di Arte Contemporanea di San Paolo, Castello di Rivoli, Blanton Museum del Texas, Miami Art Museum...). Numerose le mostre, personali e collettive, in Italia e all’estero.