Robert Capa

  • Edited by Andréa Holzherr / Magnum Photos
  • Format 23 x 28 cm, brossura con alette
  • Pages 144
  • Illustrations 100 in b/n
  • Year 2012
  • ISBN 9788836622887
  • Price € 28,00
Add to cart Add to cart Add to cart
Abstract

Nel 1938 Robert Capa fu definito dalla prestigiosa rivista inglese Picture Post “Il migliore fotoreporter di guerra nel mondo”. Sebbene il suo lavoro sia in molti tratti lirico e talvolta anche spiritoso – tanto da essere paragonabile a quello di altri fotografi come André Kertész o Henri Cartier-Bresson – tuttavia la forza visiva e l’incisività delle sue fotografie, oltre alla quantità dei reportages realizzati, giustificano ancora oggi questo lusinghiero giudizio. Il volume propone dunque una ricca selezione del suo lavoro in qualità di fotografo di guerra, attraverso le immagini realizzate durante la guerra civile spagnola (1936–39), la resistenza della Cina all’invasione giapponese (1938), la Seconda guerra mondiale – fra cui spicca la documentazione dello sbarco in Normandia – e ancora il primo conflitto Arabo-Israeliano (1948), e quello francese in Indocina (1954), durante il quale morì, ucciso da una mina antiuomo. Le immagini di Capa colpiscono ancora oggi per la loro immediatezza, per l’empatia e l’umanità che riescono a comunicare: più che le battaglie, Capa racconta gli eventi bellici attraverso gli sguardi della popolazione civile, dei bambini, e di tutti i sopravvissuti che, nonostante le perdite e la distruzione, riescono, con ammirevole forza e dignità, ad andare avanti: immagini che sono entrate in maniera indelebile nell’immaginario del Novecento. Nel volume sono inoltre documentati alcune fotografie di personaggi famosi – da Picasso a Hemingway, da Matisse a Ingrid Bergman – che mostrano le grandi qualità di ritrattista di Capa. Il catalogo accoglie la ripubblicazione di uno storico testo di Richard Whelan, testi introduttivi ad ogni sezione e apparati biografici.

Verona, Scavi Scaligeri, aprile - settembre 2012