Land In Land Out

Firenze, Galleria degli Uffizi
dal 13 Febbraio al 17 Marzo 2024

The exhibition

Sedici artisti contemporanei, otto italiani e otto belgi, si confrontano con il formato panoramico 16:9, esponendo coppie di opere in dialogo con i capolavori della Galleria degli Uffizi, tra i quali dipinti di Fra Bartolomeo, Giovanni Bellini, Ambrogio Lorenzetti, Simone Martini e Lippo Memmi, Tintoretto, Veronese.
La scelta del formato sedici noni quale ‘filo conduttore’ della mostra, rappresenta il tentativo dell’arte di far riscoprire il senso più intimo e profondo del guardare rappresentato nell’epoca contemporanea dal formato del cellulare ma, soprattutto, misura della psico-visione umana, con l’intenzione di mettere in risalto la relazione che intercorre tra l’opera d’arte e l’osservatore e quale sia il metro percettivo che usiamo per definire ciò che divide noi e la dimensione immaginata dell’opera.

Scopri di più

The catalogue

In LAND IN LAND OUT, the works of sixteen artists, both Italian and Belgian, dialogue with eight masterpieces from the Uffizi Galleries on the theme of landscape and its representation, in an unusual format that is deliberately antithetical to the magniloquence that prevails today, that of 16:9 modern smartphones. Presented at the Uffizi in 2024, the exhibition invites us to rethink the practice of looking, to capture that subtle, intimate line between inside and outside, between here and elsewhere – that imperceptible but real vibration that is activated between the work of art and its observer.

Contents

Serena Fineschi, Edith Dekyndt
in dialogue with
Simone Martini, Lippo Memmi

Marco Neri, Tina Gillen
in dialogue with
Ambrogio Lorenzetti

Luca Vitone, Lucia Bru
in dialogue with
Terrazzo delle Carte Geografiche

Luca Pancrazzi, Sophie Whettnall
in dialogue with
Lorenzo di Credi

Nathalie Du Pasquier, Hans Demeulenaere
in dialogue with
Giovanni Bellini

Alessandro Scarabello, Stef Driesen
in dialogue with
Fra Bartolomeo

Laura Viale, Pieter Vermeersch
in dialogue with
Veronese

Serse Roma, Hans Op de Beeck
in dialogue with
Tintoretto