Primo Levi

Figure

Torino, GAM
dal 25 Ottobre 2019 al 23 Febbraio 2020

The exhibition

In occasione delle celebrazioni per il centenario della nascita di Primo Levi la GAM di Torino in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi Primo Levi, espone per la prima volta in Italia, negli spazi della Wunderkammer, una selezione significativa dei lavori in filo metallico realizzati dal grande scrittore e intellettuale, a cura di Fabio Levi e Guido Vaglio, con il progetto di allestimento di Gianfranco Cavaglià con la collaborazione di Anna Rita Bertorello.
Si tratta di oggetti con un forte carattere intimo e domestico, destinati agli scaffali dello studio dello scrittore oppure a essere regalati agli amici più cari. Il materiale utilizzato è generalmente il filo di rame: il suo lavoro di chimico specializzato nella smaltatura dei conduttori elettrici gli consentiva di disporre di scarti e materiali da saggio in quantità.
Accostarsi a questi lavori consente di aprire una straordinaria finestra sul mondo di Levi: un mondo di competenze e di sensibilità molteplici e ricchissime, ben al di là dell’immagine univoca, più nota e diffusa, di testimone della persecuzione e della deportazione.

Info

The catalogue

Primo Levi – il testimone di Auschwitz, lo scrittore, il chimico, l’uomo di pensiero – è ancora capace di sorprenderci: questo volume ci svela, per la prima volta, le figure tridimensionali che egli realizzò, per lo più con filo di rame smaltato: figure di animali, ma non solo, intrecciate per gioco sulla base di un linguaggio compositivo chiaramente decifrabile.
Questi oggetti, intimi e domestici, si offrono come felici prodotti della fantasia e dell’abilità manuale di un intellettuale che, spinto da suggestioni molto varie, si è misurato nella sua opera con gli aspetti più diversi della condizione umana.
Per parlare di Primo Levi, per tracciarne un ritratto ricco di tante dimensioni ancora in parte da esplorare, è necessario considerare lavori così suggestivi e inconsueti. Il filo di rame è anche il filo di un sentiero, di un percorso destinato a portarci molto lontano.

Torino, GAM, ottobre 2019 - febbraio 2020