Le Pietà di Michelangelo

Tre calchi storici per la Sala delle Cariatidi

Milano, Palazzo Reale
dal 22 Ottobre 2022 al 8 Gennaio 2023

The exhibition

Le tre Pietà di Michelangelo, nella forma dei loro calchi in gesso otto e novecenteschi, arrivano a Milano il 22 ottobre, dove saranno eccezionalmente riunite in uno spettacolare allestimento firmato da Massimo Chimenti nel palcoscenico unico e suggestivo della Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale. Tre lunghissimi sudari, dispiegati per tutta l’altezza della sala e dal grande impatto visivo, faranno da sfondo alle Pietà, amplificandone la valenza e il senso religioso evocato dallo scultore che, in tre diverse stagioni della sua vita, si pose al servizio dell’arte, di Dio, e dell’uomo.
La mostra Le Pietà di Michelangelo. Tre calchi storici per la Sala delle Cariatidi, promossa e prodotta dal Comune di Milano-Cultura in sinergia con il Comune di Firenze e i Musei Vaticani e organizzata da Palazzo Reale, è a cura di Domenico Piraina, Giovanna Mori e Claudio Salsi e si pone come ideale continuità della mostra appena conclusa al Museo dell’Opera del Duomo di Firenze.

Scopri di più

The catalogue

Michelangelo scolpisce nella sua lunga esistenza tre sculture a tema pietistico; la prima giovanile opera, venerato capolavoro della basilica di San Pietro, è l’unica portata a compimento. Le altre due, realizzate in vecchiaia e senza committenza alcuna, sono rimaste incompiute alla morte dell’artista: la Pietà detta Bandini, dell’Opera di Santa Maria del Fiore a Firenze, e la Rondanini del Castello Sforzesco di Milano.
Tre calchi storici rappresentano ora le celebri sculture nella cornice straordinaria della Sala delle Cariatidi del Palazzo Reale di Milano: un’occasione unica per poter ammirare il lavoro svolto dal maestro sul soggetto nell’arco di sessant’anni e l’opportunità di lasciarsi coinvolgere da un allestimento calibrato sul carattere peculiare del grande ambiente storico. Il luogo del ricordo della devastazione bellica custodisce le tre repliche ponendo a confronto l’angoscia di una madre per la perdita del figlio morto con l’orrore della maggiore follia novecentesca.