Panarea

e l'architettura di Paolo J. Tilche

  • Edited by Enzo Ragni
  • Binding Paperback with flaps
  • Size 23x28 cm
  • Pages 136
  • Illustrations 139 a colori
  • Language Italian
  • Year 2008
  • ISBN 9788836611591
  • Price € 25,00
  •   Unavailable
Abstract

Panarea, l’isola più piccola dell’arcipelago eoliano e forse la più affascinante per varietà di paesaggio, subì alla fine della seconda guerra mondiale una massiccia emigrazione della sua popolazione verso terre d’oltremare.

La crisi economica che generò questo esodo ruppe un fragile equilibrio che, pur nella scarsità delle risorse, aveva scandito la vita nella comunità per secoli: vita fatta di agricoltura, pesca e piccoli commerci. Gli appezzamenti agricoli strappati con fatica alla montagna e lo straordinario patrimonio di architettura rurale mediterranea furono condannati a inesorabile degrado. Solo agli inizi degli anni sessanta l’isola fu riscoperta da un gruppo di artisti e turisti esigenti che la scelsero come luogo dove vivere a contatto con la natura incontaminata.

Paolo Jeannot Tilche, originario di Alessandria d’Egitto, faceva parte di quella avanguardia; sbarcò a Panarea alla fine degli anni cinquanta e vi rimase fino alla sua morte, avvenuta nel 1995. Mise a frutto il suo straordinario talento per l’architettura realizzando diverse opere che sono documentate in questo libro. Fu protagonista del recupero dell’architettura eoliana a Panarea e della valorizzazione dei metodi costruttivi tradizionali. L’autore, che è da molti anni frequentatore dell’isola, ha documentato diverse opere architettoniche di Paolo Tilche descrivendole nelle schede tecniche del libro: fra questi spicca l’Albergo Raya, costruito e gestito dallo stesso Tilche, che per anni fu un luogo incantato da cui ammirare l’ancestrale bellezza dell’isola.

Per ultimo, questa succinta opera intende essere un omaggio alla fragile bellezza dell’isola e un tributo doveroso alla vicenda storica di quegli isolani che hanno patito con l’emigrazione lo sradicamento dalla propria terra.