Cesare Cesariano

e il Rinascimento a Reggio Emilia

  • Edited by Alessandro Rovetta, Elio Monducci, Corrado Caselli
  • Binding Hardcover with jacket
  • Size 23x28 cm
  • Pages 264
  • Illustrations 200 a colori, 80 in b/n
  • Language Italian
  • Year 2008
  • ISBN 9788836611690
  • Price € 35,00  € 33,25
Add to cart Add to cart Add to cart
Abstract

Cesare Cesariano (Milano, 1475 – 1543) – noto per la traduzione, il commento e le illustrazioni del Vitruvio edito a Como nel 1521 – conclusa la sua prima formazione milanese nel giro di Bramante, giunse a Reggio Emilia attorno al 1496, dopo due veloci passaggi da Polirone e Ferrara.
Il vuoto di notizie sul suo lungo soggiorno reggiano, durato fino al 1507, può essere finalmente colmato grazie al recupero di importanti carte d’archivio, al restauro della facciata di palazzo Fossa e alla riconsiderazione di altri cantieri, quali il battistero di San Giovanni Battista, commissionato dal vescovo Bonfrancesco Arlotti.
Seguendo le tracce dell’artista milanese si apre un mondo poco conosciuto, quello dei diffusi lasciti del Rinascimento reggiano, spesso lacunosi e ritoccati, ma ancora sorprendentemente parlanti. Il profilo di un personaggio diviene il colpo d’occhio su una città: Cesariano si muove tra palazzi e chiese, artisti e committenti, ecclesiastici eruditi e imprenditori illuminati. Con i piedi puntati tra Ferrara e Bologna, con un sguardo a Milano e l’altro a Roma, Reggio riappare, in quel suo straordinario cambio di secolo, quanto mai la città fondata da Lepido e proiettata sulla più vasta Longobardia.
Dopo i primi cinque capitoli dedicati alla figura di Cesariano segue, nel volume, una serie di interventi dedicati all’approfondimento di singoli temi inerenti l’artista.
In appendice sono riportati regesti e documenti risalenti al periodo 1475-1513.