Gino Severini 1883-1966

  • Edited by Gabriella Belli, Daniela Fonti
  • Binding Paperback with flaps
  • Size 24 x 28 cm
  • Pages 264
  • Illustrations 152 a colori
  • Language Italian
  • Year 2011
  • ISBN 9788836620272
  • Price € 35,00  € 33,25
Add to cart Add to cart Add to cart
Abstract

Gino Severini (1883-1966) è senza dubbio il più francese tra i pittori italiani: per quasi mezzo secolo, infatti, è stato il trait d’union fra artisti e intellettuali al di qua e al di là delle Alpi negli anni cruciali del primo Novecento e delle due guerre.

Nato a Cortona e vissuto tra Parigi e Roma, inizia a dipingere grazie all’incontro con il coetaneo Umberto Boccioni e alla lezione del più maturo Giacomo Balla. Intorno agli anni dieci si accosta al futurismo, di cui offre una originalissima interpretazione, tiepida nell’adesione ideologica ma estremamente aggiornata e consapevole nella riflessione teorica.

Sono anni intensi in cui Severini affianca alla pratica artistica una vivace attività intellettuale, organizzando le esposizioni dei futuristi italiani nelle gallerie parigine e partecipando ai dibattiti che animano la capitale francese. La sua ricerca si orienta quindi verso la pratica cubista, rivolta in particolare a originali variazioni sul tema della natura morta.

Ma Severini è molto precoce anche nel cosiddetto “ritorno all’ordine”: già prima degli anni venti si rivolge a un repertorio di temi, figure e soggetti desunti dalla pittura dei Primitivi italiani e del Rinascimento. Anche di questa fase rimangono scritti autobiografici e testi teorici che dimostrano come il suo rappel à l’ordre fosse l’esito di personali e approfondite indagini.

Gli anni del secondo dopoguerra costituiscono l’ultimo, intenso periodo dell’attività di Severini – ancora troppo poco indagato – caratterizzato da opere di grande raffinatezza e mirabili esercitazioni di forme.

Il volume documenta la complessità di questo percorso attraverso i saggi critici, il catalogo di un vasto corpus di dipinti e un minuzioso lavoro di recupero e sistemazione dei documenti d’archivio e degli apparati bibliografici precedenti.

Con i contributi scientifici di: Beatrice Avanzi, Gabriella Belli, Christine Borel, Daniela Fonti, Alessandra Franchina, Giovanni Lista, Paola Pettenella, Romana Severini.

Parigi, aprile - luglio 2011

Rovereto, settembre 2011 - gennaio 2012