Luca Fieschi

Cardinale, collezionista, mecenate (1300-1336)

  • Author Gianluca Ameri, Clario Di Fabio
  • Series Biblioteca d'arte, 31
  • Binding Paperback with flaps
  • Size 17 x 24 cm
  • Pages 192
  • Illustrations 107 in b/n
  • Language Italian
  • Year 2011
  • ISBN 9788836621774
  • Price € 20,00  € 19,00
Add to cart Add to cart Add to cart
Abstract

Luca Fieschi (Genova, 1275 - Avignone, 1336), nato nel capoluogo ligure dalla potente famiglia dei conti di Lavagna, viene promosso da Bonifacio VIII cardinale diacono di Santa Maria in Via Lata nel 1300. Fedele al ‘partito’ curiale lungo tutto il suo cardinalato, Luca Fieschi mantiene un forte prestigio anche con il trasferimento della sede papale ad Avignone: nel 1312 incorona Enrico VII imperatore in Laterano, nel 1313 favorisce la presa del potere dei guelfi a Genova; nel 1317 Giovanni XXII gli affida una legazione in Inghilterra e, nel 1331, la canonizzazione di sant’Ivo.

Questo volume costituisce il primo studio organico sulla sua figura di curiale, di mecenate e di collezionista, quale è testimoniata dal suo Testamento e dal suo ricchissimo Inventario, come dalla chiesa di Santa Maria in Via Lata e dalla Tomba, erette a Genova come culmine di un disegno egemonico e familiare, politico-ideologico e personale, che coinvolge tanto la Cattedrale e le sue più venerate reliquie – dal Sacro Catino alle ceneri del Battista – quanto la stessa presenza della sua potente famiglia in città.

Gianluca Ameri (1976) è dottore di ricerca in Storia dell’arte; è stato Postdoc-Stipendiat presso il Kunsthistorisches Institut in Florenz. Autore di saggi su riviste, cataloghi di mostre e atti di convegni, le sue ricerche vertono sul rapporto fra arti applicate e monumentali, sugli inventari e il collezionismo, sui viaggi e la percezione dell’opera d’arte nel Medioevo. È docente a contratto di Arti monumentali e applicate del Medioevo europeo presso l’Università degli Studi di Genova.

Clario Di Fabio (1955) ha studiato a Genova e Firenze. Già direttore della Galleria di Palazzo Bianco, del Museo Sant’Agostino e del Museo del Tesoro della Cattedrale di Genova, è dal 2005 professore associato in Storia dell’Arte Medievale presso l’Università degli Studi di Genova. Membro del comitato scientifico dell’AISAME, è autore di molti saggi dedicati alla produzione artistica medievale tra XI e XV secolo, editi in riviste italiane e straniere, atti di convegni e volumi miscellanei. E’ stato co-curatore della collana “Genova e l’Europa – Opere, artisti, committenti e collezionisti”. Si occupa di pittura fiamminga del XV-XVII secolo, di pittura e miniatura genovese del XVI-XVII secolo, di cultura artistica neogotica e di storia della tutela e del restauro. Ha curato le mostre Van Dyck a Genova (1997), El Siglo de los Genoveses (1999), Rubens a Genova (2004), Il Polittico della Cervara di Gerard David (2005), Luca Cambiaso (2007).