Arabic Manuscripts in the Biblioteca Ambrosiana

Vol. IV Nuovo Fondo: SERIES F-H (Nos. 1296-1778)

  • Edited by Renato Traini
  • Binding Hardcover with jacket
  • Size 21 x 30 cm
  • Pages 394
  • Illustrations 16 colour illustrations
  • Language English
  • Year 2011
  • ISBN 9788836622344
  • Price € 200,00
  •   Not available
Abstract

Questo volume è il quarto, nonché l’ultimo, del Catalogue of the Arabic manuscripts in the Biblioteca Ambrosiana, che documenta la parte finale del cosiddetto Nuovo Fondo, e che completa la catalogazione integrale dei manoscritti arabi posseduti dall’Ambrosiana (i precedenti tre volumi sono stati pubblicati tra il 1975 e il 1995).

La collezione dei manoscritti arabi della Biblioteca Ambrosiana comprende tre fondi principali: Il Fondo Antico, costituito da 224 manoscritti arabi e cristiani, la maggior parte dei quali acquistati negli anni del cardinale Federico Borromeo – arcivescovo di Milano da 1595 – che spiccano per la loro bellezza e antichità; il Fondo Medio, con 134 manoscritti acquisiti durante il XX secolo; il Nuovo Fondo, formato da oltre 1600 codici Yemeniti, raccolti dal collezionista Giuseppe Caprotti, e in seguito entrati a far parte dei beni della Biblioteca Ambrosiana.

L’analisi accurata del materiale ha permesso di verificare che anche quest’ultima parte della collezione – che annovera 486 codici, meno di un quarto dell’intero patrimonio – registra la presenza di testi unici o rari (che esistono cioè in non più di altre due copie). Non è un’esagerazione riconoscere alla Biblioteca Ambrosiana un duplice privilegio: non solo possiede il fondo più ricco di manoscritti arabi rispetto alle altre biblioteche italiane, ma anche il patrimonio di codici Yemeniti più ricco del mondo occidentale.

Il volume è arricchito da sedici tavole a colori dei manoscritti ed è completato da importanti Indici di riferimento.

This is the fourth and final volume of the Catalogue of the Arabic Manuscripts in the Biblioteca Ambrosiana, which describes the final part of the so-called New Fund, andthat completes the much hoped for integral cataloguing of the Arab manuscripts of the Ambrosiana (the previous volumes were published between 1975 and 1995).

The current Arabic collection of the Ambrosiana includes, as it is known, three main Funds: the Ancient Fund holding 224 Arabic and Christian manuscripts, many of them acquired during the years of Cardinal Federico Borromeo – Archbishop of Milan since 1595 – and some being very old and illuminated in splendid fashion; the Medio Fund, that holds 134 manuscripts obtained mainly during the XX century; the New Fund, made up of more than 1600 Yemenite codes owned by collector Giuseppe Caprotti, and acquired by the Ambrosiana.

The meticulous analysis of the described material has allowed us to signal that also in this part of the collection – that consists of 484 codices, that is less than one fourth of the entire Found – the presence of unique, or rare texts (that is, texts about which not more than two other copies are extant) is sizeable. In fact, it is no exaggeration to recognize a double privilege to the Biblioteca Ambrosiana: not only does it own the most conspicuous Arab manuscripts fund of all of the Italian libraries, but it holds a patrimony of Yemenite manuscripts that has no equal across libraries in the western world.

The volume contains sixteen colour-plates of the manuscripts and Indices.