Arte orafa milanese 1450-1527

Leonardo da Vinci tra creatività e tecnica

  • Author Paola Venturelli
  • Binding Paperback with flaps
  • Size 17 x 24 cm
  • Pages 336
  • Illustrations 90
  • Language Italian
  • Year 2021
  • ISBN 9788836643516
  • Price € 28,00  € 26,60
Add to cart Add to cart Add to cart
Book Preview Book Preview Book Preview

Abstract

Gli orefici, le arti preziose e Milano sono gli argomenti di questo libro, tra l’ingresso degli Sforza nel Ducato (1450) e la morte del celeberrimo Caradosso Foppa (1527).
Orafi, gemmari, maestri delle pietre contraffatte e battiloro ne sono i protagonisti, con le loro botteghe e i loro prodotti lavorati attraverso capacità di mestiere acquisite in seguito a lunghi apprendistati. Al servizio della splendida corte sforzesca o di nobili personaggi, eseguono prezioso vasellame, altaroli, tabernacoli, gioielli, posate, cinture e completamenti per codici miniati o libri, tutti di raffinata esecuzione, con il dato emergente degli smalti e anche dei nielli. Manufatti il cui livello formale non ha altrove confronti. Data l’eccellenza dei loro prodotti, sono chiamati a lavorare anche fuori Milano, tra Padova, Roma e l’Ungheria, al servizio di prestigiosi committenti.
L’altro protagonista è Leonardo da Vinci, qui indagato in un percorso inedito. Durante il suo prolungato soggiorno milanese, stimolato dalla creatività dei maestri locali, elabora ‘ricette’ particolarissime per ottenere perle, ambra, pietre dure e paste vetrose, ideando pendenti e bracciali.

Contents

Introduzione

1. Orafi, gemmari e maestri delle pietre contraffatte

La Scuola di Sant’Eligio. Regole e fisionomia degli iscritti. Beni e possedimenti

Le botteghe e la città

2. Imparare e lavorare

Apprendistati, assunzioni e collaborazioni

Competenze e tangenze. Tra vocaboli, tecniche e prodotti
Aurifex, zoyelerius, faber, smaltisa, battiloro
Libri, libretti e smalti
Tra arti tessili, vetri, miniature
Nielli e ancora smalti
Lastrine, medaglioni e anconette
Posate e cinture

Lavorare per la corte. Maestri, duchi e cortigiani

Lavorare fuori Milano. Tra Ungheria, Padova e Roma, passando da Santa Maria presso San Satiro In Ungheria
A Padova
Santa Maria presso San Satiro a Milano e i Meda
A Roma. Anche con Caradosso

3. Uno “spectaculo trionphante, dignissimo et richissimo”

Il Tesoro sforzesco, tra vasi “antichi” e balassi

4. Leonardo da Vinci e le arti preziose

A Milano con Leonardo. Tra botteghe, persone e cose Vetri, smalti e medaglie

Osservare, imitare e creare. “Segreti” di Leonardo per ottenere perle, ambra, pietre dure e paste vetrose
Gioielli leonardeschi. Una collana (in ambra nera) per la Dama dell’ermellino, tra pendenti e bracciali a catena

Nella bottega di Leonardo. Epilogo / Apertura

APPENDICE

Caradosso. Tracce per una biografia

APPARATI

Abbreviazioni e fonti
Bibliografia
Indice dei nomi