Icone trecentesche della ‘Schöne Madonna’

Abstract

Il presente articolo è dedicato all’analisi di un gruppo di tavole trecentesche, impropriamente definite ‘adriatiche’ nella storiografia, il cui carattere stilistico composito si rivela refrattario alle tradizionali tassonomie storico-artistiche. In particolare, vengono prese in considerazione alcune immagini della Vergine Maria in cui l’aspetto goticheggiante, associato a Venezia con lo schema della Madonna dell’Umiltà, viene tradotto nel linguaggio della pittura di icone attraverso la resa della Madre di Dio a mezza figura e l’uso di accorgimenti tecnici di origine bizantina, in particolare per quanto riguarda la resa del modellato delle figure. Si propongono alcune ipotesi circa i significati, le funzioni e le finalità di tali oggetti, sui loro autori e destinatari, nonché sul contesto geografico-culturale in cui vennero realizzati.

PAROLE CHIAVE: Icone, Pittura su tavola, Pittura a Venezia, Interazioni mediterranee, Madonna dell’Umiltà.

ENGLISH
14th century Icons of the ‘Schöne Madonna’

The present paper deals with a group of 14th century painted panels, improperly labelled in scholarship as ‘Adriatic’, whose mixed stylistic character proves to defy traditional art-historical taxonomies. Emphasis is laid on some images of the Virgin Mary where the Gothicizing appearance associated in Venice with the scheme of the Madonna dell’Umiltà is translated into the language of icon-painting via a half-length rendering of the Mother of God and the use of Byzantine technical devices, especially as regards the modelling of body parts. Some hypotheses are formulated as to the meanings, functions, and purposes of such objects, their authors and audiences, and the geographic and cultural context where they were made.

KEYWORDS: Icons, Panel painting, Venetian painting, Mediterranean interactions, Madonna of Humility.

Contents