Schifano

Comunque, qualcos'altro. 1958-1964

  • Author Giorgia Gastaldon
  • Series Studi della Bibliotheca Hertziana, 13
  • Binding Hardcover
  • Size 21 x 27,5 cm
  • Pages 200
  • Illustrations 58
  • Language Italian
  • Year 2021
  • ISBN 9788836648702
  • Price € 39,00  € 37,05
Add to cart Add to cart Add to cart
Book Preview Book Preview Book Preview

Abstract

Mario Schifano, risoluto pittore in anni nei quali l’arte italiana prendeva invece la via della smaterializzazione dell’opera, è un artista per il quale le categorie del personaggio, della leggenda, della biografia – tormentata, esagerata, maledetta – hanno a lungo prevalso sulla considerazione meditata delle opere.
Questo libro affronta la sua vicenda pittorica concentrandosi sugli inizi sfolgoranti della sua produzione – dal 1958 al 1964, anno della prima partecipazione alla Biennale di Venezia – e la studia a partire dai più trascurati fondamenti: considerando i documenti dell’epoca; identificando, datando e mettendo in sequenza le sue opere; analizzandone il linguaggio pittorico a confronto con quello degli artisti a lui coevi; e, infine, riconducendolo alla cultura, visiva e non, del suo tempo.
Ne è restituito un Mario Schifano meno personaggio e più artista, meno scostante e più rigoroso nelle ricerche, il cui valore sta nella coerenza, nella tempestività e nell’autonomia delle scelte, oltre che nella felicità istintiva della sua pittura.

Giorgia Gastaldon è dottoressa di ricerca in storia dell’arte. Formatasi all’Università degli Studi di Udine, è stata borsista post-doc alla Fondazione Ragghianti di Lucca e alla Bibliotheca Hertziana – Istituto Max Planck per la storia dell’arte di Roma. Ha collaborato con il Museo del Novecento di Milano, l’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, l’Università degli Studi dell’Aquila, il Museo d’Arte Moderna di Udine, e le sue pubblicazioni sono dedicate ai temi della ricezione della pittura statunitense in Italia, del ruolo delle riviste nell’aggiornamento degli artisti italiani, nonché delle pratiche della critica d’arte e delle artiste donne nel secondo dopoguerra. La sua prima monografia, del 2019, ha ricostruito le vicende del Museo Internazionale d’Arte Contemporanea progettato da Carlo Ludovico Ragghianti per Firenze all’indomani dell’alluvione del 1966.

Contents

Premesse
Ragioni di un libro
Ragioni di un titolo

1958–1960: gli esordi
Tre mostre ad Appia Antica
Con Emilio Villa
Appunti per una storia del quadro che si fa oggetto

1960, o del monocromo
5 pittori Roma 60
Estate 1960: dal cemento al monocromo
Roma-Milano, il quadro-oggetto e la pittura di per sé

Smalto su carta intelata
L’invenzione di una tecnica
Il telaio e la tela
Carta e Vinavil
Smalto

1961: pittura segnaletica alla Galleria La Tartaruga
La Tartaruga: imprese di una galleria internazionale a Roma
«Schifano sta lavorando molto bene e ti dirò che gli vendo parecchi quadri»
Monocromi, Grandi O, diapositive, segnali stradali, schermi
Civiltà (e inciviltà) dell’immagine

1962. Con Ileana Sonnabend: una collettiva a New York, una personale a Parigi
Ileana Sonnabend e Leo Castelli: avventura di due galleristi a cavallo dell’oceano Atlantico
The New Realists: storia di una Coca-Cola di Mario Schifano a New York
Mario Schifano alla Ileana Sonnabend Galerie di Parigi: una mostra con un anno di ritardo
Schifano: dada?

Tutto. Schifano
Modi moderni, temi antichi
Alla Galleria Odyssia: una mostra e un catalogo
Appunti per la storia di un immaginario italiano del secondo dopoguerra
Tutto!

New York, New York
1963–1964: Mario Schifano a New York
«In quanto ai pittori, che vedevo molto importanti, mi sono ricreduto»
Paintings by Schifano

Alla XXXII Biennale internazionale d’arte di Venezia
«Una Biennale definitivamente orientata verso l’informazione attuale»
La XXXII edizione, una Biennale tutta americana?
New York – Venezia, andata e ritorno
Paesaggi, giardini, futurismi: la Biennale di Schifano tra novità e continuità
Quadri moderni ma non modernisti

Conclusioni

Bibliografia

Recensioni